La maggioranza annuncia che il Porcellum sarà modificato entro l’estate prima che venga demolito dalla Corte costituzionale. Ma sulle modifiche da apportare l’accordo ancora non c’è. Lo spiega chiaramente Enrico Franceschini: “Sulla ‘correzione’ del Porcellum è noto che ci sono opinioni distinte”. Renato Brunetta: “C’è un accordo dentro la maggioranza per fare una riforma minimalista che ricostituzionalizzi il Porcellum e possa essere utilizzata se, Dio non voglia, si va alle elezioni in tempi brevi, mentre la riforma elettorale più organica avverrà dentro le riforme istituzionali“. Paola De Micheli, che ha partecipato al vertice per il Pd, al posto del senatore Luigi Zanda dalla sala stampa di Montecitorio afferma: “Modifiche minime al Porcellum? Non è la nostra posizione, no a diktat da parte del PdL, la nostra proposta verrà discussa nella direzione nazionale del partito”  di Manolo Lanaro