La conduttrice di Report (Rai3), Milena Gabanelli, rientra in studio dal servizio sulla rendicontazione dei finanziamenti del Movimento 5 stelle e sulla quantificazione delle entrate per il blog di Grillo, e parte il “rimprovero”. “In assenza dei protagonisti (Grillo e Casaleggio ndr) che hanno preferito declinare l’invito, due considerazioni: la prima, il Movimento è esploso in pochi mesi, nel disordine pretendere subito ordine nei conti comprendiamo che è complesso – afferma -, ma aspettiamo quanto prima la pubblicazione delle fatture promesse. Secondo l’house organ del movimento di fatto è il blog, la voce politica passa da lì, i proventi vanno anche al movimento oppure no? Domanda semplice, trasparenza esige risposta, anche se la legge non vi obbliga. Ciò detto, con 3 milioni di disoccupati smettete di parlare dei scontrini, e il vostro 25% di voti tiri fuori tutte le idee che ha”. E aggiunge: “Nessuno di noi, nessuno al mondo pensa che la politica viva d’aria, e per garantire, affinché garantisca l’interesse generale e non venga fatta solo dai ricchi, in tutta Europa è finanziata dal pubblico, l’imperativo è non buttare i soldi dalla finestra, come è stato fatto fino ad adesso. Si potrebbe addirittura – spiega – anche ipotizzare delle proposte alternative: quella per esempio di dare la possibilità alle persone fisiche – non alle imprese, perché possono avere dei conflitti di interesse – di dare, di destinare ciò che vogliono a chi vogliono, interamente detraibile. Potrebbe anche essere un modo per premiare i risultati e renderci tutti più partecipi e responsabili. Nonché vigili”. La giornalista ha poi replicato agli attacchi dei militanti