“Non ci sono le condizioni neanche per ipotizzare un condono edilizio, dopo che il nostro territorio è già stato massacrato da interventi di consumo indiscriminato del suolo, a maggior ragione, di interventi illegali”. A margine della presentazione a Roma della campagna Oasi 2013 del Wwf, risponde con queste parole a ilfattoquotidiano.it il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, in merito alla proposta avanzata dal presidente della Commissione Giustizia del Senato, Francesco Nitto Palma di riaprire la sanatoria. Una richiesta, quella del senatore campano del Pdl, che cozza con gli obiettivi fissati da Orlando “su cui caratterizzare l’attività del ministero”  di Gabriele Paglino