Giuseppe Giangrande, il brigadiere ferito durante la sparatoria davanti a Palazzo Chigi il giorno del giuramento del nuovo governo, verrà curato al Centro di riabilitazione neurologica di Imola, Montecatone. Il carabiniere è atterrato all’aeroporto Marconi di Bologna, poi è stato trasferito, scortato da un’auto dei carabinieri, fino al centro di riabilitazione imolese. Con lui sull’ambulanza la figlia e il fratello.

Giangrande, ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma dopo la sparatoria provocata da Luigi Preiti, ha viaggiato su un Falcon dell’aeronautica militare, ed è stato assistito durante il volo da un’equipe medica dell’Ares 118 di Roma.

L’uomo è stato accolto nel reparto di Terapia intensiva dove inizierà l’attività riabilitativa per prevenire eventuali complicanze secondarie. “Rimarrà qui”, ha spiegato in una nota il direttore sanitario Roberto Pederzini, “rimarrà il tempo strettamente necessario per superare la fase di instabilità clinica e valutare l’entità del danno midollare”.