Mario Marazziti presenta la legge della formazione centrista per dare la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia: “E’ una sorta di Ius soli temperato, ma non ci sarà nessun automatismo, solo chi completa gli studi, parla la lingua e ama il Paese potrà diventare italiano”. Sul reato di clandestinità, tanto caro alla Lega Nord e nel mirino del nuovo ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge: “Non ha senso, lo dicono anche le istituzioni europee”  di Manolo Lanaro