Dura da oltre un mese l’occupazione di 3 palazzine dell’ex villaggio olimpico di Torino, qui ora vivono oltre 400 di rifugiati politici, in buona parte arrivati dalla Libia durante l’Emergenza Nord Africa. La sezione locale, Nizza-Lingotto, dell’Anpi ha deciso di commemorare tra questi profughi il 25 aprile, è stato organizzato un pranzo e una serie di attività pomeridiane. Nelle passate settimane non è mancata la solidarietà dei cittadini con i rifugiati. “L’Anpi si occupa di memoria, ma si occupa anche di presente” spiega Giacomo Gorgellino, presidente della sezione Anpi del quartiere Nizza-Lingotto, “La nostra generazione deve lottare per avere un’Italia più simile a quella che avrebbero voluto i partigiani”  di Cosimo Caridi