Mentre al Quirinale Giorgio Napolitano dava l’incarico ad Enrico Letta, due facilitatori o saggi, Gaetano Quaglieriello del Pdl e Luciano Violante del Pd si confrontavano sul tema delle forme di governo. L’occasione è stata la presentazione del libro ‘La repubblica del Presidente, il settennato di Giorgio Napolitano’. La relazione del senatore Pdl è stata in tutto e per tutto elogiativa sulla adottata dal capo dello Stato sul caso intercettazioni Colle-Mancino nell’ambito dell’inchiesta sulla Trattativa. Alla domanda se il tema giustizia e la riforma restrittiva delle intercettazioni sarà priorità del prossimo esecutivo, il senatore Quagliariello (Pdl) ha risposto: “Non so nulla”. Anche Luciano Violante non ha voluto replicare alle possibili garanzie offerte a Berlusconi, per il governo bipartisan, su conflitto di interessi e ineleggibilità. “Sono al telefono” ha risposto l’ex presidente della Camera e possibile futuro ministro della Giustizia”  di Nello Trocchia