Il politologo americano Edward Luttwak afferma a ‘La Zanzara’ (Radio24): “In questo momento la figura ideale per Washington è Giuliano Amato, o anche Emma Bonino, ma soprattutto Amato, che può seguire l’esempio di Napolitano. E’ il migliore, è un uomo del Pd, ma vicino a Berlusconi“. L’economista, che rivela di non aver mai sentito nominare Franco Marini, si esprime con toni critici anche sul leader del Pd. “Gli Usa non capiscono” – osserva – “perché Bersani non si sia turato il naso per collaborare con Berlusconi, cercando invece un accordo con Grillo. E’ stato uno shock“. Poi su uno dei candidati del M5S, Gino Strada, attacca: “Gino Strada è una figura ridicola, nel 1944 avrebbe curato anche le SS naziste, così potevano tornare ad ammazzare la gente. Esattamente come ha fatto coi talebani che poi sono tornati ad uccidere”. Sono le parole che Edward Luttwak ha rilasciato ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24. Il politologo americano loda l’operato di Giorgio Napolitano, definito “un’ancora nella bufera”, e stronca la candidatura del fondatore di Emergency, affermando anche che Obama non lo incontrerebbe mai. E ne spiega le ragioni: “Obama pensa che il modo migliore per curare uno di Al Qaida è mandargli un missile da un drone, mentre Strada non fa nessuna differenza. Curerebbe anche un nazista delle SS che poi uccide altre trenta persone. E’ un irresponsabile” – continua – “rappresenta un falso umanesimo. Se l’Italia lo vota, allora significa che è diventato un manicomio, non uno stato politico”  di Gisella Ruccia