Emma Bonino? Ha come scimmia sulla spalla Pannella. Quindi ci troveremmo al Quirinale Pannella con la parrucca bionda e il codino bianco che fuoriesce. Non si può”. Così Alessandra Mussolini esprime il suo “niet” assoluto alla proposta dell’ex ministro Mara Carfagna di votare Emma Bonino alla presidenza della Repubblica. Ospite de “La Zanzara”, su Radio24, la senatrice del Pdl spiega il suo punto di vista: “La Bonino in tutti questi anni non si è mai affrancata da Pannella, quindi la scarterei. Lei è una specie di guscio, ma dentro c’è Pannella. Ma è la Bonino che l’ha voluto, tanto che nel ’99 lei andava in tv e lui ci andava cinque volte di più”. E aggiunge: “Pannella è lo stalker della Bonino, che, poverina, non riesce a toglierselo dalle scatole. E’ una cosa tragica, la Bonino deve emanciparsi da Pannella, è soggiogata da lui”. Alessandra Mussolini si esprime poi sul Movimento 5 Stelle: “Questi poveracci sono sempre addormentati, sono stanchi, non ce la fanno più di Grillo e Casaleggio che li massacrano di mail e di web. E allora loro quando vanno in commissione, dormono. Li vedo io che dormono, non ce la fanno a stare in piedi”. E svela: “I 5 Stelle fanno sempre un sacco di complimenti a noi e ai deputati del Pd. Ci dicono: ‘Ma siete bravi, siete competenti’. E poi hanno sempre detto che vogliono essere chiamati “cittadini”. Ma dovete vedere come si alzano in piedi quando vengono chiamati “senatori”. Quella dei “cittadini” è tutta una finta“. L’esponente del Pdl, poi, si esprime con toni caustici sui dieci saggi, definiti “babbioni”, su Gianfranco Fini e su Pierferdinando Casini. E su Mario Monti infierisce: “Lo vedo sempre girare per il Senato con un cellulare finto in mano. Fa finta di telefonare, ma in realtà non parla con nessuno. E’ sempre depresso e triste” di Gisella Ruccia