Circa 12mila persone hanno sfilato per le vie della capoluogo abruzzese in memoria delle 309 vittime del sisma del 6 aprile 2009. Per il sindaco Massimo Cialente, quest’anno la Fiaccolata della Memoria è ancora più difficile da fare, “perché si è persa la speranza”. Presente anche il ministro della Coesione territoriale Fabrizio Barca, che ha rinnovato l’impegno del governo per la ricostruzione, nell’auspicio che i fondi vengano al più presto messi a disposizione. “Fino a luglio tocca a noi. Poi”, dice Barca, “speriamo ci sia un governo in condizioni di operare”. La manifestazione è culminata alle 3,32 in punto, con i 309 rintocchi in memoria delle 309 vittime  di Sara Occhiuzzi e Alessandro Tettamanti