Enrico Sassoon ha lasciato la Casaleggio Associati (di cui era azionista) a settembre del 2012, bersagliato dalle voci “interne ed esterne al Movimento” che lo dipingevano come vicino ai poteri forti. “Si tratta di teorie complottistiche”, spiega il direttore del mensile di management Harvard Business Review Italia. E sul tandem Grillo-Casaleggio non ha dubbi: “Uno è imprescindibile dall’altro. Mi sembra che Grillo sia il megafono che ripropone delle elaborazioni che non sono necessariamente sue”. E dove sta andando il M5S? “Verso il crowdsourcing politico. Ma se non esiste un pensiero strutturato che permette di selezionare le idee, alla fine non si seleziona niente”  di Carlo Tecce