La Corte d’Appello di Palermo ha condannato a sette anni di carcere Marcello Dell’Utri per concorso esterno a Cosa Nostra. La sentenza conferma la condanna del primo processo d’appello dopo che la Cassazione ha ordinato nel marzo scorso un nuovo processo di secondo grado. “Dobbiamo leggere la motivazione e poi vedere la Cassazione. La prescrizione? Andreotti diceva che è meglio di niente” è stato il commento a caldo dell’ex senatore Pdl. Dell’Utri poi ha abbandonato l’aula bunker del carcere Pagliarelli facendo cenno all’altro processo che lo vede imputato a Palermo, quello sulla trattativa Stato-mafia: “E’ un romanzo criminale che continua, e continua, ma che dobbiamo farci?”  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti