Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Giustizia & impunità > Ruby bis, lo sh...

Ruby bis, lo show di Elena Morali: “Non me frega niente di voi con le tonache”

Elena Morali, considerata una fiamma di Renzo "Trota" Bossi, ha risposto "Non è affare vostro... sono mie cose private sentimentali" quando il pm Sangermano senza farne il nome le ha chiesto se aveva avuto una relazione o una amicizia con il figlio del Senatur. " Allora no... Io non le chiedo sua moglie chi è... " ha aggiunto

Elena Morali

Da testimone, perché tra le giovani invitate alle “cene eleganti” di Arcore, a protagonista di un ‘battibecco’ in aula con il pm di Milano Antonio Sangermano, pubblica accusa nel processo Ruby bis quello a carico di Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede.  

Elena Morali, ex pupa, considerata una fiamma di Renzo “Trota” Bossi, ha risposto “Non è affare vostro… le mie cose private sentimentali” quando Sangermano senza fare il nome di Renzo Bossi le ha chiesto se aveva avuto una relazione o una amicizia con il rampollo del Senatur. La storia tra i due giovani, a questo punto presunta, era comparsa su diversi giornali di gossip, ma quando la testimone è stata incalzata ha risposto secca: “Allora no… Io non le chiedo sua moglie chi è… ”  rivolgendosi al pubblico ministero. E’ stata quindi ripresa dalla presidente del collegio Annamaria Gatto che le ha ricordato che è il giudice ad ammettere le domande in udienza: “Sono io che ammetto” ha ricordato il giudice e la ragazza ha proseguito: “La mia risposta è no”. Quando il pm ha fatto presente che “il processo non è un gioco” la Morali ha rintuzzato: “Neanche il suo…. Mi sta offendendo…  A me non frega niente che siete qui che avete le tonache…Posso anche uscire…”. A questo punto il giudice ha detto: “La faccio prendere dai carabinieri“. Dopo diversi secondi di silenzio e sollecitata dal presidente, che avrebbe sospeso in caso di malore, la soubrette ha dichiarato: “Andiamo avanti così io vado al lavoro che sto già perdendo tempo”. 

Durante l’udienza il pm poi ha rivelato che il 17 marzo scorso la giovane ha insultato i carabinieri di Bergamo che l’avevano convocata in caserma per notificarle l’accompagnamento coatto. Con “tono arrogante” la ragazza affrontato i militari e prima di tentare una “fuga” dalla stazione dei carabinieri, ha insultato, il “magistrato che ha disposto l’accompagnamento” definendolo un “coglione”, come si legge nella relazione dei militari. 


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione