Registrai il colloquio con Sergio De Gregorio mentre mi offriva soldi per passare al centrodestra. Insieme al collega dell’Idv Nello Formisano, consegnai il nastro all’allora ministro e leader del mio partito Antonio Di Pietro”. L’ex senatore Giuseppe Caforio ricostruisce i fatti dell’inverno 2007 quando, registratore alla mano, confezionò la prova regina dell’inchiesta sulla compravendita di parlamentari da parte di Silvio Berlusconi. Di quella cassetta, però, non c’è traccia. Nel novembre 2011, quando scoppiarono i casi Scilipoti e Razzi, Caforio non si capacita del silenzio sulla vicenda. “Non capivo perché Di Pietro – racconta al fattoquotidiano.it – non tirasse fuori quella storia, avrebbe dimostrato che nel nostro partito c’erano anche altre persone coinvolte”. Caforio rivela che prima dell’incontro con De Gregorio era andato a pranzo, nelle settimane precedenti, con il senatore di Forza Italia Antonio Tomassini: “Non ci fu nessuna proposta indecente. A pranzo mi disse che gli era stato chiesto di farmi incontrare il presidente Berlusconi. ‘Se fai un segno positivo – mi disse Tomassini – tra 5 minuti lui viene'”. Caforio rifiuta. Poco dopo arriva la proposta di De Gregorio che fu oggetto di registrazione. Una cassetta, il cui destino è sempre più avvolto dal mistero  di Nello Trocchia