La paura, si sa, è cattiva consigliera. Eppure buona parte delle azioni che le persone fanno sono ispirate dalla paura. Paura di repressione fisica e della morte violenta, di finire fatti a pezzi con la motosega o sparati, nei Paesi dove le mafie e i paramilitari legati ai poteri oppressivi dettano legge. Paura della crisi, di perdere il lavoro, la casa. Paura di ammalarsi e non trovare l’assistenza sanitaria. E tante altre paure, vissute da ciascuno nella sua solitudine individuale, dato che la dimensione collettiva è sempre più difficile da trovare.

Anche le elezioni di domenica, per molte persone, saranno dettate dalla paura. Paura che torni Berlusconi e quindi bisogna votare il meno peggio, turandosi il naso. Paura di fare la fine della Grecia e quindi affidiamoci al tecnico demiurgo. Paure alimentate dal terrorismo dei finti sondaggi opera di personaggi che andrebbero perseguiti penalmente per la violazione del divieto di diffondere sondaggi a ridosso delle elezioni e per la falsità delle notizie che diffondono. Vogliono creare un clima di paura per favorire la conservazione dello status quo. Si dimostra la validità del vecchio adagio, rimuovendo, per paura del peggio, la possibilità di un’alternativa invece possibile e necessaria.

Oltretutto, il sistema bipolare perverte la democrazia anche qualora, come nel caso italiano, il tentativo di introdurlo  fallisce miseramente. Restano i suoi peggiori elementi, soglie di sbarramento e premi di maggioranza, tutti meccanismi volti a inquinare il voto popolare e a impedire a ciascuno di votare per la lista che sente più affine. E avallando l’abominio del voto utile, negazione del pluralismo e della democrazia.

Per superare le paure, spesso irrazionali, parliamo di programmi e di contenuti, seguendo il suggerimento di una commentatrice del mio penultimo blog. E qui voglio scrivere ancora del programma di Rivoluzione Civile, lista per la quale come sapete mi candido, e che ho ascoltato ieri sera alla bella e partecipata manifestazione di chiusura enunciato dal suo leader Antonio Ingroia. Un punto per tutti: l’abolizione dei privilegi fiscali per la Chiesa. Chi altro la propone, oltre a Rc, Radicali e 5 stelle? Ma, oltre a questo, una serie di punti su cui non si può non concordare e che solo Rivoluzione Civile porta avanti con la dovuta determinazione e chiarezza: lotta alle oligarchie finanziarie che dominano e devastano l’Europa mutilando il suo progetto politico ed ideale; eliminazione delle mafie; laicità dello Stato; no al precarietà; promozione delle imprese in armonia con l’interesse pubblico; salvaguardia ambientale contro le grandi opere; uguaglianza e diritti sociali; cultura e conoscenza; pace e disarmo; eliminazione dei privilegi della politica.

Nell’epoca del pragmatismo senza principi, della politica tangentara, del piccolo cabotaggio del giorno per giorno che ci porta verso il disastro sociale e ambientale solo rilanciando questi grandi temi si potrà restituire alla politica la dignità che ha perso in mano a questo ceto di affaristi e intrallazzoni. Solo una rivoluzione ci salverà, se sarà civile tanto meglio.

Cosa ci differenzia dal Movimento Cinque Stelle, col quale ci sono pure vari punti in comune che mi auguro si potranno approfondire e consolidare in tutte le sedi? Direi una chiarezza sui punti del voto e della cittadinanza agli immigrati, sull’antifascismo, sulla democrazia nel rapporto con gli eletti. Non è poco, ma c’è una comune ispirazione a rovesciare il regime delle caste, delle cosche e delle cricche. E ci si deve augurare che il popolo a 5 stelle sappia maturare risposte positive e chiare che dissipino ogni ambiguità sui punti enunciati.

Il voto a Rivoluzione Civile è il primo passo verso la necessaria alternativa in Italia. Domenica il popolo italiano ha l’occasione storica di dire la sua opinione al proposito. L’importante è che lo faccia con il cuore e, soprattutto, senza paura. E rigettando il ricatto del voto utile, che significa in ultima analisi solo riconsegnare il Paese ai soliti politicanti che tanto cattiva prova di sé hanno dato negli ultimi venti e più anni. Diamo una chance all’alternativa, se non ora quando? Nella consapevolezza che la nostra rivoluzione è solo agli inizi…

Alle elezioni politiche 2013 sono candidato alla Camera nelle liste di Rivoluzione Civile.