Silvio Berlusconi ha incontrato i sostenitori del Pdl all’auditorium del Lingotto. Il confronto con le 30mila persone portate in Piazza Castello ieri a Torino da Beppe Grillo è inevitabile: “Dovevamo anche noi andare in piazza, perché a noi Grillo ci fa un baffo! Perché noi siamo tutti più belli”. L’invito a tutti è quello a non disperdere il voto “soprattutto con il centrino di Monti, Fini e Casini. Sono pronto a ubriacarmi se non dovessero entrare in Parlamento”. Nessun riferimento all’avversario diretto, il segretario del Pd Bersani, mentre sono state numerose le battute sui “comunisti”. Nelle oltre due ore di comizio Berlusconi parla dei punti del programma elettorale, tra cui la riduzione dei costi della politica e chiede al pubblico se è d’accordo con l’azzeramento dei rimborsi elettorali. Alla risposta positiva risponde, con il solito largo sorriso: “Volete che paghi solo io! Ma non so più quanto potrò donare, adesso devo pagare 36 milioni all’anno alla mia signora. Colpa dei giudici di Milano  di Cosimo Caridi