Dopo avere annunciato la restituzione dell’Imu, Silvio Berlusconi abbozza un’altra proposta: ”Stiamo pensando di introdurre anche lo strumento della cauzione – ha detto – per evitare che i cittadini che non hanno subito una sentenza definitiva possano finire in carcere”. Dal teatro Politeama, dove si svolge una manifestazione elettorale del Pdl, il Cavaliere attacca anche il leader dei democratici e spiega che “da Bersani continuo a ricevere minacce“. In particolare, aggiunge, “sul conflitto di interessi, ad esempio. Bersani ha detto che è bene che si attenda sulla vendita di La7: lui pensa infatti, prima distruggiamo Mediaset e La7 così prenderà valore”. Cita anche la questione del “falso in bilancio che dice che vuole reintrodurre, ma da qui faccio un comunicato ufficiale a Bersani: il reato di falso in bilancio esiste, basta guardare gli articoli 2621 e 2622 del codice civile”. Il falso in bilancio è effettivamente previsto come reato, depotenziato però con una delle prime leggi ad personam berlusconiane, nel 2002

Ma ce n’è anche per l’altro concorrente, Mario Monti. “Soltanto uno che non capisce nulla di economia, come il professorino Monti, può fare errori di questo tipo, come l’introduzione dell’Imu, che hanno demolito interi settori economici. Ma noi l’Imu la toglieremo nel primo consiglio dei ministri e rimetteremo le cose a posto a tutti i livelli”, ha ribadito l’ex premier, lamentando di essere stato definito “cialtrone” per questa promessa.

E’ invece un “clown” il giornalista-candidato premier Oscar Giannino, di cui il Cavaliere teme l’erosione di voti moderati, soprattutto nelle regioni in bilico per il premio di maggioranza al Senato. “Chi pensasse di votare Giannino per le belle divise che porta in televisione, sappia che se si alzasse dagli studi televisivi e andasse in un circo lo prenderebbero per un clown. Gielo dovevo visto che mi ha definito un guitto e che ha detto che è in campo solo per farmi perdere in Lombardia”.

Berlusconi ha anche chiarito che cosa intende lui per un Parlamento “frequentabile”: “Ringrazio Gabriella Giammanco, brava giornalista oltre che bella deputata”, ha affermato presentando la candidata del Pdl. “Ci hanno criticato sempre, ma abbiamo reso il Parlamento più frequentabile. Vedete quelli della sinistra sono sempre incazzati: è anche questo che ci differenzia da loro. Pensare a Soru: se vede il mare in Sardegna ti viene il buon umore, ma se vedi la sua faccia ti sei rovinato la giornata”. 

Di fronte alla pleatea siciliana, Berlusconi ha riacceso il “sogno” del Ponte sullo Stretto: ”Prima di morire ho un sogno: attraversare il Ponte sullo Stretto. C’erano voluti 32 consigli dei ministri, avevamo firmato l’appalto con imprese italiane: con la nostra vittoria aprirà subito il cantiere”.