Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Elezioni 2013 > Sondaggi, Grill...

Sondaggi, Grillo risale e Monti scende: a Bersani il centro potrebbe non bastare

Altro che dibattito sul Professore che non vuole Vendola. Il rinnovato exploit dei Cinque Stelle, registrato da molti istituti di sondaggio, potrebbe mettere in crisi qualsiasi futura alleanza al Senato. Così potrebbe affacciarsi l'ipotesi di una riproposizione del laboratorio siciliano, dove Crocetta si sostiene con i voti del Movimento

Sondaggi, Grillo risale e Monti scende: a Bersani il centro potrebbe non bastare

Il termometro lo darà la folla che si riunirà a piazza San Giovanni a Roma, venerdì 22 febbraio, nella kermesse di chiusura della campagna elettorale di Beppe Grillo. Si capirà così, da un rapido sguardo d’orizzonte, se davvero quello che i sondaggi stanno lentamente registrando in queste ultime ore si potrà concretizzare nelle urne. Il Movimento 5 Stelle è in crescita. Ed un suo exploit potrebbe mettere in crisi qualsiasi futura alleanza al Senato.

Altro che dibattito su Monti che non vuole Vendola e viceversa. Se, come sembrano fotografare diversi istituti di rilevazione, Grillo uscirà dal voto con la bandiera del terzo partito italiano saldamente in mano, sfiorando – come si sostiene in alcuni casi – addirittura il 20%, allora i pochi seggi di Monti al Senato potrebbero non essere risolutivi per tenere in piedi il governo. O, meglio, lo sarebbero comunque, ma l’equilibrio risulterebbe precario. Tanto precario da imporre al leader della coalizione vincente un dilemma pesante: governare con una maggioranza risicata e molto, ma molto instabile, oppure tornare in breve tempo alle urne, casomai dopo aver ridisegnato la legge elettorale?

Nessuno lo dice apertamente, ma il rischio c’è ed è concreto. Tant’è che nelle anguste stanze delle segreterie dei partiti, i tecnici della politica vera stanno mettendo le mani alle tastiere delle calcolatrici; ci sono da rifare tutti i conti delle stime previsionali dei seggi sia per la Camera che per il Senato. Dice, infatti, Alessandra Ghisleri di Euromedia Research: “Il Cinque Stelle è il movimento che in questi giorni sta crescendo con più velocità di tutti gli altri: da qui alla conclusione della campagna elettorale i ‘grillini’ sono accreditati per un ulteriore salto, dall’attuale 14-15%, fino a quote, appunto, attorno al 20%”. Ma non c’è solo la Ghisleri a sottolineare questo trend. L’Swg dà Grillo in salita oltre il 18%, Tecnè per Sky Tg24 lo dava ieri al 16%, questa mattina al 15%, l’Istituto Piepoli al 13%, più severa l’Ipr marketing per il Tg3 che lo mette solo al 12,5%. Ma è il trend che conta. E che si registrerà a pieno solo nei prossimi giorni.

E qui scatta il secondo fenomeno di queste ore: l’operazione-ricalcolo seggi del Senato. Il dato di partenza è sempre lo stesso, ovvero la coalizione guidata da Bersani che potrebbe contare sulla maggioranza dei seggi alla Camera, mentre al Senato sarebbe quasi certamente costretto ad allearsi con l’area Monti per poter raggiungere una solida maggioranza. Ma si tratta di previsioni basate su dati che danno i Cinque Stelle al 14-15% e di un’Area Monti attestata su una quota oscillante tra il 12,4% attribuito da Lorien e il 15% di Ipsos. Su questa base, Monti poterebbe a casa 30-40 senatori, quantità tale da avere quel margine di sicurezza e di stabilità per la futura alleanza con il Pd e, di conseguenza, per il governo. Sommando i 140-150 senatori attribuibili a Pd-Sel si arriverebbe su quote nettamente superiori a quella necessaria, 158, per la maggioranza a Palazzo Madama. Lo stesso tipo di scenario, al momento, lo traccia Tecnè. Che fotografa un Senato con 157 senatori del Pd-Sel, 83 per il Pdl, 36 per Monti e solo 29 per Grillo.

Ma se l’escalation dei consensi al leader del Movimento e il declino dell’area Monti (quorum dell’8% a rischio in Puglia, persino nel Lazio e in altre regioni) fossero confermati, il ricalcolo in corso nei partiti propone scenari diversi: 40-50 senatori a Grillo, 20-25 all’area Monti.

Ora, di sicuro se il Pd mantenesse quota 157 seggi al Senato (quindi sotto solo di un seggio per la maggioranza assoluta), anche i soli 25 senatori di Monti potrebbero essere considerati sufficienti a rendere solida l’alleanza e, di conseguenza, il governo. Ma bisogna fare il conto con molte variabili, specie quella riguardante le differenti visioni di politica economica tra Monti e Bersani e, soprattutto, tra Monti e Vendola. Ecco perché qualcuno potrebbe avere la tentazione, tra i democratici e i vendoliani, di cercare più la sponda dei Cinque Stelle piuttosto che impelagarsi in una nuova avventura con Monti dai contorni difficili da disegnare. Un po’ come è successo in Sicilia, da sempre laboratorio politico del Paese, dove il governatore Saro Crocetta ha trovato una solida spalla proprio nell’alleanza con i rappresentanti del Movimento Cinque Stelle. La vittoria di Grillo anche al Senato, insomma, propone scenari parlamentari davvero inimmaginati e, certamente, tutti da esplorare. L’eventualità, comunque, sarebbe vista senz’altro come una jattura dai fan europei del Professore che senza dubbio gradirebbero immediatamente all’ingovernabilità del sistema provocando reazioni immediate da parte dei mercati. Invece, non è affatto detto che non possa funzionare; di sicuro c’è molta più affinità tra Bersani e Grillo, o tra Vendola e Grillo, specie sulle questioni sociali, di quante ce ne siano tra Monti e Vendola.

Insomma, quella partita elettorale che tutti davano ormai dagli esiti scontati rischia di riaccendersi per la cavalcata di rimonta di Grillo. Che non va in televisione, ma riempie le piazze ed ha un contatto diretto con l’elettorato, un valore aggiunto di questi tempi tutti televisivi. Ecco perché, al centro dell’agone politico, si guarda con grande preoccupazione all’appuntamento di piazza San Giovanni. Grillo, infatti, non toglie voti a sinistra, dicono i sondaggisti, li toglie prevalentemente al centrodestra e alla Lega. L’immagine di una piazza San Giovanni, che fu di Berlinguer, stracolma di gente rilanciata da tutte le televisioni sarebbe senza dubbio uno spot gratuito a Grillo che nessuno riuscirebbe ad oscurare. Neanche il Cavaliere.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione