“La scelta della Fiat di pagare senza lasciar lavorare i 19 lavoratori reintegrati a Pomigliano è grave e preoccupante. Si colpisce la dignità della persona che lavora, si umiliano uomini che non chiedono l’elemosina e si mette in atto una brutale discriminazione sindacale“. Con queste parole Stefano Fassina, responsabile Economia del Pd, durante ‘Question Time‘, il format della web Tv del Fatto Quotidiano, ha commentato la decisione presa dal Lingotto di retribuire regolarmente gli operai assunti nello stabilimento campano lo scorso novembre su disposizione della corte d’appello di Roma. Fassina ha risposto anche alle domande della Rete sullo scandalo Mps, sulla riforma Fornero, sulla disoccupazione e sugli impegni europei presi dall’Italia.