Pomeriggio di sangue a Milano, in zona Bocconi. Intorno alle 18, Vittorio Tonini ha fatto irruzione al volante di un furgone in un’officina di via Salasco e ha sparato contro un uomo, Carmelo Costantino, 65enne originario di Palermo, ferendolo all’addome. Poi ha tentato di investirlo, prima di dirigersi verso il piano superiore e urtare violentemente alcune auto parcheggiate all’interno.

La fuoriuscita di benzina ha provocato un incendio che ha coinvolto altri veicoli. Durante la fuga è stato intercettato da una pattuglia della polizia, allertata da una chiamata al 113, e ha rivolto l’arma verso gli agenti ingaggiando un conflitto a fuoco. Le forze dell’ordine hanno dovuto ferirlo per fermarlo. I due uomini sono stati trasportati in ospedale, dove l’aggressore, di 72 anni, è deceduto.

“Stavo uscendo dal portone di casa, quando ho sentito degli spari, tre o quattro credo, e le urla di una persona che scappava spaventata. Poi mi sono richiuso dentro per qualche minuto, e quando sono sceso in strada ho visto il garage in fiamme”. E’ il racconto di uno dei testimoni dell’accaduto. “L’odore di pneumatici bruciati e il fumo si sentivano fino in piazza Medaglie d’Oro – ha raccontato un’altra testimone, una signora che arrivava dalla piazza a piedi – poi ho sentito le sirene dei pompieri e sono venuta a vedere cosa fosse successo”.