L’Italia dei Valori non presenterà una lista propria alle elezioni del prossimo febbraio. “Confluiremo nella lista degli arancioni di Ingroia”, conferma Antonio Di Pietro. Peccato che nelle ultime settimane molti esponenti dell’Idv abbiano lasciato il partito, buona parte per raggiungere la formazione capitanata da Massimo Donadi, Diritti e Libertà. Il capo dell’Idv fa spallucce e parla di “candidature scelte fra la società civile” che hanno fatto aumentare il malcontento fra i dirigenti desiderosi di una poltrona. Ma solo negli ultimi due giorni, la coordinatrice torinese dell’Idv, Mariagrazia Spinosa, assessore della Giunta Fassino, e il consigliere provinciale Roberto Cermignani, hanno abbandonato il partito guidato dall’ex pm  di Cosimo Caridi