Il prossimo 8 gennaio saranno passati vent’anni dalla sera in cui il giornalista Beppe Alfano venne ucciso dalla mafia a Barcellona Pozzo di Gotto. Le indagini condotte dalla magistratura ancora non hanno permesso di individuare i veri mandanti dell’assassinio del giornalista, l’ultimo ucciso dalla mafia in Sicilia.

Per ricordare il suo impegno umano e professionale i familiari e una serie di associazioni (con il Fatto Quotidiano come media partner) organizzano una due giorni di eventi nella città siciliana, dove Alfano era nato il 4 novembre del 1945. L’evento sarà anche l’occasione per fare il punto sulla lotta alla mafia in Sicilia, in Italia e in Europa.

Lunedì 7 gennaio si terrà un inedito vertice internazionale tra le varie forze di polizia. Una giornata di studi sul tema del contrasto alle mafie, suddivisa in tre parti: uno dedicato alle tecniche investigative, uno relativo alla cooperazione giudiziaria, uno sul ruolo del giornalismo investigativo e dell’informazione. Tra i partecipanti ci saranno i principali organismi nazionali, europei e internazionali come Fbi, Dea, Bka, Interpol, Europol, la DIA, lo SCICO, oltre a importanti magistrati antimafia e giornalisti. La giornata si concluderà con lo spettacolo teatrale di Giulio Cavalli, consigliere regionale lombardo e attore impegnato nella denuncia della criminalità organizzata attraverso le sue opere.

La giornata di martedì 8 gennaio sarà dedicata alla memoria. Il palazzetto dello sport di Barcellona Pozzo di Gotto ospiterà il dibattito sul tema “La mafia odia la cultura, legalità e scuola per un futuro migliore”, che vedrà la partecipazione di centinaia di studenti provenienti da tutta la Sicilia. Con i familiari di vittime di mafia, come Sonia Alfano e Rita Borsellino, interverranno testimoni di giustizia, esponenti della società civile e istituzioni, come Don Ciotti e Roberto Saviano.

Nel pomeriggio, dopo la messa al duomo di Santa Maria Assunta e l’intitolazione a Beppe Alfano della piazza antistante la casa del giornalista, si terrà un convegno specifico sul suo omicidio e sul percorso ventennale di indagini che ancora non hanno fatto piena luce sui fatti. All’incontro parteciperanno, tra gli altri, il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il giornalista del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio. Il programma completo della due giorni è scaricabile dal sito di Sonia Alfano (www.soniaalfano.it), figlia di Beppe e presidente della Commissione antimafia europea.