Senza stipendio da cinque mesi, il personale dell’Idi e del San Carlo sta continuando a fornire le prestazioni mediche ai malati. Oggi la leader della Cgil li ha incontrati: “Serve trasparenza. Vogliamo sapere ogni euro che è entrato e perché”. Ma la proprietà ha presentato un piano industriale che prevede 500 esuberi. I lavoratori si sono anche incatenati alla cappella dell’istituto incontrando l’opposizione del cappellano che ha deciso per la chiusura della chiesetta  di Manolo Lanaro