Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Politica & Palazzo > Decreto Taglia ...

Decreto Taglia firme, si del Senato. Scatta riduzione del 75%

Basteranno trentamila firme per la presentazione di una lista elettorale di una forza politica oggi fuori dal Parlamento. Una ulteriore riduzione del 60% è prevista per i partiti che, alla data di entrata in vigore del decreto, sono costituiti in gruppo parlamentare almeno in una delle Camere

Il Senato approva il decreto taglia firme, che diventa legge. Con l’approvazione del testo si riduce del 75% il numero delle firme necessarie ai partiti non presenti in Parlamento per presentare le liste elettorali. Dopo la verifica del numero legale, su richiesta della Lega, il presidente del Senato Renato Schifani ha dato inizio alla votazione del provvedimento. La norma, approvata dall’aula per alzata di mano (con l’astensione della Lega) riduce le firme necessarie per la presentazione delle liste alle prossime elezioni politiche per movimenti e partiti non presenti in Parlamento. Basteranno quindi trentamila firme per la presentazione di una lista elettorale di una nuova forza politica. Inoltre, una ulteriore riduzione del 60% è prevista per i partiti che – alla data di entrata in vigore del decreto – sono costituiti in gruppo parlamentare almeno in una delle Camere, come ad esempio l’Udc.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione