“Il bunga bunga era solo una rullata di tamburi”. Parola della soubrette e (porno) attrice Sara Tommasi, una che l’epoca d’oro delle notti di Arcore l’ha vissuta in prima persona. La Tommasi ha presentato a Roma la sua autobiografia “Ora basta, parlo io”. Nonostante il titolo, di confessioni imbarazzanti per Silvio Berlusconi e gli altri ospiti delle “cene eleganti” non c’è nemmeno l’ombra. “Ad Arcore, dopo aver mangiato e ballato, chi voleva rimaneva a dormire, l’ho fatto anche io – racconta la Tommasi – c’erano molte stanze e Silvio era molto generoso. Ma quello che è stato scritto e detto sul bunga bunga non è vero”. Il suo rapporto con Berlusconi è sempre cordiale: “Sono contenta che si sia ricandidato, lo voterò sicuramente: con lui i conti dell’Italia erano da serie A, Monti li ha portati in serie B”. Ma nel futuro della showgirl non c’è spazio per la politica: “Non vorrei fare la fine di Nicole Minetti”  di Tommaso Rodano