Mi spiace per Napolitano, ma io sto con Ingroia“. Non ha dubbi Franco Battiato, assessore al Turismo e allo Spettacolo alla Regione Sicilia, che, ospite de “La Zanzara”, su Radio 24, si è pronunciato sulla trattativa Stato-mafia. “Non ci possono essere segreti” – ha affermato il cantautore – “Perchè il presidente della Repubblica deve avere segreti rispetto ai cittadini? Ma siamo scemi? Deve rilevare il contenuto delle intercettazioni”. E ha aggiunto: “Con il ricorso alla Consulta Napolitano ha messo in difficoltà i giudici di Palermo. Il Csm è andato contro Scarpinato, ci rendiamo conto? Siamo in un mondo in cui ci sono preti che spacciano cocaina, dottori che fanno operazioni per guadagnare milioni di euro e il paziente magari non ne ha bisogno…ci può anche essere un Presidente della Repubblica che ha fatto delle stupidate. In questo caso, Napolitano ha sbagliato“. Entusiastici, invece, i toni per il Movimento 5 Stelle.”Meglio i grillini che l’Udc di Cuffaro e Casini” – ha dichiarato – “Ricordiamoci di Casini, su Cuffaro disse che avrebbe messo le mani sul fuoco. A questo punto dobbiamo chiedergli di bruciarsi le mani”. Sulle recenti esternazioni dello scienziato e assessore Zichichi, che ha auspicato una Sicilia piena di centrali nucleari, Battiato ha cercato di sorvolare, ma ha precisato: “Pover’uomo, ha sbagliato. Ma è simpatico, salviamolo”. L’artista ha inoltre dichiarato la sua simpatica politica per Bersani (“l’ho votato alle primarie e lo voterei alle politiche”), ma ha reso un tributo a Beppe Grillo: “I suoi attacchi, anche fuori dalle righe, sono una tecnica retorica, lui serve a dare la scossa alla politica”. Riguardo all’annunciato ritorno di Berlusconi, Battiato ha commentato:  “E’ una cosa pessima. Sarebbe un incubo ma non credo che possa accadere”. E ha puntualizzato: “A destra sembrano tutti divisi e smembrati poi tornano insieme e si coalizzano. Ma questa volta non gli riuscirà”  di Gisella Ruccia