“Avrei mancato di parola? L’ex premier è confuso”. Pierferdinando Casini (leader Udc), intervenuto a un’iniziativa dell’Udc bresciano, ha insistito sulla linea del sostegno al governo Monti e ha liquidato con una battuta le esternazioni di Silvio Berlusconi, che lo ha invitato nuovamente a rientrare nei ranghi dell’alleanza di centro destra, bocciando la candidatura di Roberto Maroni alla guida di una grande coalizione capace di riconquistare la Regione Lombardia. Casini ne ha anche per i suoi detrattori nel centro sinistra e ha parlato delle distanze che lo separano da Nichi Vendola e da Matteo Renzi, sottolineando che le loro critiche sono un “fatto positivo per l’Udc”  di Alessandro Madron