“Io voto Alfano alle primarie, poi ci sono altri candidati che al momento del voto spariranno”. Così il senatore Pdl Maurizio Gasparri a Roma che poi precisa: “Proto indagato? Io non lo conosco, non so chi sia. Assomiglia a quello che si mette dietro quando ci fate le interviste e si fa inquadrare da tutti telegiornali, alla ricerca ‘dell’effetto Paolini‘”. Proprio accanto al senatore c’è il presenzialista Mauro Fortini che subito risponde : “Eccomi senatore”. “No, non parlo di lei, ma di quell’altro (Gabriele Paolini ndr)”. “Io per lei auspico un contratto da giornalista, visto che ha anche la penna e il registratore. Faccio un appello: che qualcuno faccia un contratto a Mauro Fortini, anche uno stage”  di Manolo Lanaro