I NoTav hanno organizzato una “battitura delle reti” all’autoporto di Susa. Da due giorni tre trivelle stanno effettuando dei carotaggi sull’area che sarà interessata nella costruzione della stazione internazionale. Ben presto la battitura si è trasformata nel lancio di oggetti: prima pietre e petardi, poi anche una molotov. La polizia ha risposto con getti d’acqua e svariate dozzine di lacrimogeni. Il confronto è durato diverse ore e ha impegnato un centinaio di attivisti e altrettanti uomini delle forze dell’ordine  di Cosimo Caridi