Il 41enne fantino italiano Frankie Dettori è risultato positivo ad un test antidoping. Uno dei nomi più noti dell’ippica internazionale, è stato “pizzicato” dopo le corse disputate il 16 settembre all’ippodromo parigino di Longchamp. Dettori “sarà oggetto di un’inchiesta del comitato medico di France Galop”, ha dichiarato in una nota Christopher Stewart-Moore, legale di Dettori, come si legge sul sito della Bbc. A Longchamp, in uno dei test più importanti in vista del Prix de l’Arc de Triomphe di ottobre, il fantino ha montato 4 cavalli piazzandosi in 3 corse.

Secondo alcune indiscrezioni, il controllo sarebbe scattato a seguito di una soffiata poco prima della gara. Dettori, già informato, non ha precedenti di positività, ma nel 1993 fu trovato dalla polizia londinese in possesso di una piccola quantità di cocaina. Per quell’episodio perse un contratto di monta ad Hong Kong. Ora la settimana prossima ci sarà il processo sportivo e se verrà condannato rischia uno stop di sei mesi. Da verificare quindi se il divorzio con la sua scuderia avvenuto questa settimana dopo ben 18 anni con la Godolphin di Sheikh Mohammed, sia da collegare con la positività dell’atleta. 

Lanfranco, questo è il suo nome italiano, è figlio del rinomato fantino sardo Gianfranco Dettori ed è autore di numerose corse vinte in tutto il mondo soprattutto in Inghilterra, dove ora vive. Qui è divenuto famoso per aver stabilito il record di sette corse vinte in un solo giorno ad Ascot, tempio dell’ippica inglese. Il suo status e le sue relazioni col popolo inglese sono così importanti da essere stato nominato nel 2005 anche ambasciatore italiano a Londra.