Dopo i cortei di Forza Nuova e le incursioni del Blocco Studentesco di Casa Pound nei licei romani, un altro frammento della galassia neofascista scende in piazza a Roma, con l’autorizzazione del sindaco Gianni Alemanno. A sfilare sono poche centinaia di persone sotto le bandiere del Movimento Sociale Europeo di Giuliano Castellino, un passato recente da alemanniano convinto, poi una breve parentesi ne La Destra di Francesco Storace e ora la guida di quest’ennesima frazione dell’estremismo nero. “Ma noi non siamo né di destra, né di sinistra: siamo al di là – sostiene Castellino -. Contro Monti, contro le tasse e gli sfratti e per l’euroribellione; oggi manifestano persone senza casa e senza lavoro: non è un corteo fascista, nonostante quello che può dire qualche consigliere sfigato in cerca di pubblicità”  di Tommaso Rodano