Sospensione e procedimento disciplinare. La Rai ha usato il pugno duro nei confronti di Giampiero Amandola, il giornalista del Tgr Piemonte che sabato scorso aveva pesantemente insultato i tifosi e il popolo napoletano prima della partita contro la Juventus. “La Rai nello scusarsi profondamente con tutti i cittadini di Napoli e con tutti gli italiani per l’inqualificabile e vergognoso servizio andato in onda nell’edizione serale della Tgr Piemonte, sabato 20 ottobre a firma Giampiero Amandola – si legge nella nota stampa diramata da viale Mazzini – comunica che il giornalista è sospeso dal servizio e nei suoi confronti l’Azienda ha aperto un procedimento disciplinare“. 

Non solo. A esprimere la propria indignazione verso l’operato del cronista piemontese sono stati anche i vertici dell’azienda: “Il Presidente della Rai, Anna Maria Tarantola e il Direttore Generale, Luigi Gubitosi – è scritto nel comunicato di viale Mazzini – hanno espresso il loro sdegno per l’increscioso episodio e si augurano che gli uffici competenti applichino la massima celerità e severità nel valutare l’accaduto. Il Direttore Generale si è scusato personalmente e a nome dell’intera azienda con il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. La Rai è e sarà sempre in prima fila nella lotta contro ogni forma di razzismo e la stupidità che l’accompagna”.