striscia corviale natangeloDopo le tavole sulle Vele di Scampia (Qui la prima e qui la seconda), ecco un’altra cartolina dalla bella Italia.

Stavolta parliamo di Corviale, estrema periferia capitolina: un enorme palazzone affettuosamente chiamato ‘Serpentone’ – essendo lungo un chilometro e alto 30 metri– e imbottito con circa 6000 abitanti. In questa tavola (apparsa su il Fatto Quotidiano Domenica 21 Ottobre) non ho avuto spazio per parlare di tante cose. Per esempio delle leggende intorno al (falso) suicidio dell’autore del progetto. Oppure la leggenda del Ponentino che molti romani credono sia stato strozzato proprio da questo mostro. O ancora del fatto che Dibla, il mio amico che mi ha accompagnato a Corviale e che nella tavola diventa un più borghese ‘Edu’, ha cercato in ogni modo di vendermi un appartamento nel cuore del mostro.