Secondo giorno di sciopero unitario e picchetti alla Plastic Components – Magneti Marelli di Napoli, azienda dell’indotto Fiat. Dalle prime ore dell’alba le tute blu presidiano i cancelli della fabbrica bloccandone, di fatto, le attività. “La Fiat non ha un piano industriale – dicono – Ci avevano detto che ci avrebbero fatto lavorare a Pomigliano, ma ad oggi FIP impiega solo 214 operai della Magneti Marelli”. Al quarto anno di cassa integrazione e dopo l’ennesimo rinvio di un tavolo ministeriale a causa dell’assenza dell’azienda, i lavoratori chiedono certezze sul loro futuro: nel luglio del 2013, infatti, scadrà la cassa integrazione. A dare manforte agli operai di Napoli, anche una delegazione di tute blu dello stabilimento FIAT di Pomigliano d’Arco  di Andrea Postiglione