Oltre 5 milioni di euro assegnati alle consulenze esterne, nonostante i 1800 dipendenti; 100 mila euro in spese di rappresentanza bruciati tra catering della presidenza, banchetti e rimborsi degli assessori senza alcun giustificativo, centinaia di migliaia di euro dispersi per finanziare iniziative varie: dal contributo per costruire un acquedotto in Tanzania al cofinanziamento del premio internazionale di danza Mab Maria Antonietta Berlusconi, in onore della sorella di Silvio e Paolo Berlusconi. Il viaggio nei conti della Provincia di Milano guidata da Guido Podestà, ex coordinatore regionale del Pdl con a carico la richiesta di rinvio a giudizio per le firme false della lista Formigoni alle Regionali 2010, è un percorso a singhiozzo tra opere necessarie e sprechi.

L’ELENCO DELLE VOCI di spesa del 2011 per rifacimenti delle strade, finanziamenti alle scuole e meritorie iniziative per l’inserimento lavorativo dei disabili (attività de-mandate alle province), è intervallato da fondi assegnati alla “mostra di funghi dal vero” o progetti tipo “vivere con la badante”. E ancora: corsi di formazione per “come migliorare il benessere dei gatti liberi in colonia” e contributi per iniziative “bond in fashion” o un più generico “realizzazione eventi Expo 2015”, voce a cui è assegnata una spesa di 379 mila euro.

Fra la documentazione che il Fatto Quotidiano ha potuto leggere c’è anche il prospetto delle spese di rappresentanza per la presidenza della giunta al febbraio 2012. Anche in questo caso non ci sono indicazioni specifiche sul come sono stati spesi i soldi. Complessivamente si tratta di 116.879,86 euro. Podestà è, da presidente, quello che spende di più. Corone d’alloro, lingotti d’oro, acquisto d’orologi, addirittura un cero da 90 euro: 40 mila euro se ne vanno in queste voci. Altrettanti sono destinati alle voci “pranzi di rappresentanza” e “catering” della presidenza. La voce occasione di spesa è genericamente indicata con “incontri istituzionali con personalità e/o delegazioni di enti pubblici e privati” per cifre che vanno dagli 8.324,60 euro ai 12.739. Ma ci sono anche minute di spese di ospitalità (6.700), omaggi istituzionali, visite delegazioni. Il presidente del Consiglio, il pidiellino Bruno Dapei, invece è quasi monovoce: “Rinfreschi di rappresentanza”.

Che sia una presentazione di un libro o l’incontro con l’associazione Moica casalinghe, il rinfresco è un must. Agli assessori, invece, basta un generico “incontri con autorità” per ottenere i rimborsi spese. Che siano pranzi, cene, treni, viaggi, catering. Comunque il rimborso è garantito. Garantito è anche il personale in staff: al 24 giugno i collaboratori di presidenza e giunta erano 119. La sola segreteria di Podestà conta 19 persone, oltre a tre destinate al gabinetto del presidente e cinque per il suo ufficio stampa, con stipendi che vanno dai 34 mila euro di uno dei collaboratori per la comunicazione ai 198 mila del direttore generale Mario Benaglia. Indicati nello staff, inoltre, ci sono tutti i portavoce dei gruppi consiliari, compresi quelli d’opposizione come il Partito democratico indicato però come “esterno”. Ogni assessore, inoltre, ha una propria squadra. Anche qui per lo più “esterni”, con contratti a termine. Cristina Stancari, ad esempio, ex portavoce di Podestà in campagna elettorale e nominata assessore (non eletta) allo sport e con deleghe all’ambiente, ha cinque persone nel suo staff. Quattro invece ne ha Silvia Garnero (altra non eletta), la 28enne nipote di Daniela Santanchè, assessore a Expo con un compenso di 78 mila euro annui, nonostante il tasso di presenza vicino allo zero, ma con una spesa per il proprio assessorato di 453.251 euro di cui 231.270 per il personale. portafoglio di 350 mila euro annuo interamente utilizzato. Quando nel 2009 arrivò in Provincia dichiarava un reddito di 12 mila euro. Ma è una nipote d’arte e palazzo Isimbardi un buon punto di partenza.

LA PROVINCIA a bilancio di previsione 2012 ha un totale generale di 999 milioni di euro con un avanzo di 4,2 milioni. Cifre enormi, fiumi di denaro che per lo più arrivano da trasferimenti dallo Stato e da enti pubblici.

Ieri la giunta ha deciso di collocare Sea e vendere Serravalle per cui Filippo Penati aveva indebitato l’ente per 240 milioni acquistando le azioni a 8,3 euro quando il valore di mercato è stato indicato in circa tre euro. I rivoli degli sprechi spuntano ovunque.

La Provincia di Podestà, contattata, ha risposto ricordando che Penati aveva fatto peggio. “Abbiamo garantito un piano di risanamento dei conti. Dal 2009 a oggi le spese telefoniche sono calate del 69%. E addirittura del 77,78% per la telefonia mobile, passando da 854.000 a 190.000”, ha precisato la Provincia. “Ulteriore taglio netto ha riguardato delle linee telefoniche internazionali, da 50 a una”. E poi parco auto ridotto da 174 a 80 veicoli. Riduzione dei rimborsi chilometrici e del numero di catering. Insomma Penati ha fatto peggio. E infatti non guida più la Provincia.

da Il Fatto Quotidiano del 9 ottobre 2012