“Mario Monti è senatore a vita, quindi è legittimato a ricoprire qualunque carica pubblica”. Così il ministro per i Rapporti col Parlamento Piero Giarda sull’opportunità o meno di una candidatura di Mario Monti alle prossime elezioni, dopo l’annuncio dello stesso premier di essere disponibile a un nuovo impegno, se la situazione del Paese dovesse richiederlo. “Monti è a disposizione”, continua Giarda, “come altri venti milioni di cittadini che mettono le loro capacità al servizio del Paese”. Accanto a Giarda, l’Udc Savino Pezzotta precisa: “Non serve la candidatura, Monti è già eletto senatore a vita”. Lo correggono: “Nominato”. Ma per Pezzotta la sostanza non cambia, e l’idea di Pierferdinando Casini di una lista per sostenere il Monti bis rimane valida, con o senza candidatura. Scappano invece gli altri ministri presenti al forum sulla Cooperazione Internazionale, al via questa mattina a Milano. Renato Balduzzi e Francesco Profumo, rispettivamente alla Sanità e all’Istruzione, alla domanda “chi votare per eleggere il Monti bis?” fuggono, ma a entrambi scappa da ridere  di Franz Baraggino