Antonio Di Pietro entra in sala stampa ed esordisce con una battuta: “Ma chi me lo diceva a me che finivo per fare una conferenza stampa per difendere Sallusti”. Il leader dell’Idv chiede al governo di intervenire per evitare che il direttore de “Il Giornale” finisca in carcere. Mercoledì si concluderà in Cassazione – dopo una pesante condanna di secondo grado – il processo per un articolo firmato con pseudonimo e pubblicato nel 2007 su Libero. Di Pietro spiega: “Serve una modifica dell’articolo 595 del codice penale, altrimenti possono intervenire le Camere già nelle prossime ore, emanando un ddl in sede legislativa in Commissione Giustizia”. “Con Sallusti – sottolinea il leader dell’IdV – ho decine e decine di cause in corso e ho dovuto ripassarle tutte mentalmente prima di venire qui. Ma il rischio che non possiamo correre e’ quello di imbavagliare la democrazia”. E a chi gli fa notare di pensarla come il Pdl, Di Pietro risponde con un sorriso: “Peggio, ho fatto di piu’, mi son messo sullo stesso piano di Sallusti”. L’ex magistrato ha precisato inoltre di aver presentato una interrogazione ”a risposta immediata” sul caso di Alessandro Sallusti, il direttore del ”Giornale”, che rischia il carcere per somma di condanne a causa di reati di diffamazione a mezzo stampa, per conoscere gli intendimenti dei ministri della Giustizia e per i rapporti con il Parlamento. ”La risposta la avremo mercoledi’ alle 15 in Aula”, ha concluso Di Pietro  di Manolo Lanaro