Loreno Tetti riapre la sua attività in via Celoria 16, dopo che il suo vecchio furgone è stato bruciato la notte del 18 luglio. Tetti è stato l’unico ad aver denunciato le estorsioni del clan Flachi della ‘ndrangheta. Gli studenti della Statale e del Politecnico di Milano hanno espresso solidarietà con un presidio e una raccolta firme per istituire un sistema di video sorveglianza. Per David Gentili, presidente della Commissione antimafia del consiglio comunale: “La mafia ha fatto un errore a colpire nella zona degli studenti. Questo errore diventerà un aiuto alla nostra lotta. Sarà aperto un bando per dare spazi e sostegno a chi è stato vittima di racket”  di Roberta Rei