Per ora nessun interesse esplicito nei confronti del progetto dell’Udc, “ma io sto portando avanti un progetto di chi lavora con responsabilità per questo Paese. Chiaramente dovevo venire a questa festa”. Ad assistere ai lavori del partito centrista a Chianciano arriva anche Domenico Scilipoti. “Qualcuno nei mesi scorsi ha giocato a delegittimarmi, ma qui mi hanno accolto bene – dice l’ex Responsabile – Io guardo con favore a queste proposte, ho ascoltato con interesse l’intervento di Cesa ieri, ma ora occorre mettere i contenuti, vedere i fatti”.

Scilipoti, però, resta legato a Silvio Berlusconi: “Vuole aggregare i moderati del centrodestra, aspettiamo, io sono con lui”. Intanto “continuo il mio lavoro. Stiamo costruendo una lista in Sicilia, ma il mio orizzonte è molto più ampio, sono pronto a costituire una lista di Responsabilità nazionale su tutto il territorio per le elezioni politiche”. Certo, “dipenderà dalla legge elettorale, ma siamo forti in Sardegna, in Calabria e in tante altre regioni”. E il piano di Casini di creare un nuovo centro? “Vedremo, io sono qui per capire…”, conclude Scilipoti.

Ma se Scilipoti guarda con interesse all’Udc, diciamo che questo sentimento non è esattamente corrisposto: “Scilipoti? Sarà venuto a fare le cure termali, come fanno migliaia di persone ogni anno…” commenta, infatti, Antonio De Poli, capo della segreteria politica Udc e organizzatore della kermesse del partito, sulla presenza a Chianciano dell’esponente di Popolo e Territorio, che ha assistito ieri pomeriggio e questa mattina ai lavori del partito centrista. Interverrà? “Mi pare che il livello degli interventi di questi giorni sia di un altro tenore, anzi di un altro pianeta…”.