Tra una polemica e un vertice comunitario e l’altro, il Tesoro è riuscito a incassare 9 miliardi di euro vendendo sul mercato Bot a sei mesi pagando un tasso all’1,585 per cento. In deciso calo, cioè, rispetto al 2,578% di fine luglio. Quello di oggi è il livello minimo toccato dagli interessi dei titoli dallo scorso marzo.

L’asta, che segue quella di ieri da 3,75 miliardi di euro che aveva registrato tassi d’interesse in sensibile discesa (3,064% la media), ha avuto un effetto positivo sull’andamento dei Btp decennali che questa mattina viaggiavano in sensibile rialzo, ma che dopo la vendita si sono leggermente raffreddati e a mezzogiorno evidenziano un rendimento del 5,78% (sei punti in meno rispetto all’apertura) che ha riportato lo spread rispetto al Bund tedesco di pari durata sotto quota 450 punti (446). In rosso, invece, Piazza Affari (-0,39% il Ftse Mib),  che viaggia in scia alle principali piazze finanziarie europe.