Ciak, via. Alle 18 inizia la 69esima Mostra del Cinema di Venezia, madrina Kasia Smutniak. Il film, che aprirà il festival, “The Reluctant Fundamentalist” dell’indiana Mira Nair, già Leone d’oro nel 2012, è stato accolto dagli applausi della sala stampa. Tratto dall’omonimo romanzo di Mohsin Hamid la pellicola è un thriller sul dialogo tra cultura occidentale e musulmana ed è interpretato da un cast di cui fanno parte Riz Ahmed, Kate Hudson, Kiefer Sutherland, Liev Schreiber e Martin Donovan. La regista racconta la storia di un giovane pakistano che frequenta l’università di Princeton e diventa un genio dell’analisi finanziaria nella Wall Street di inizio millennio. Ma la sua vita viene sconvolta dagli attentati dell’11 settembre 2001 che lo renderanno sospetto agli occhi degli americani.

Il festival festeggia gli 80 anni dalla prima manifestazione con un restyling. Dopo il restauro della Sala Grande dell’anno scorso quest’anno è stato il turno del nuovo foyer e una nuova scenografia che non prevede la sfilata di leoni di Dante Ferretti. La manifestazione inizierà con la sfilata sulla passerella dei protagonisti del cast del film di apertura, una doppia pedana consentirà ai fotografi di immortalare le star da entrambi i lati. Tanti in maestri del cinema in concorso: Malick, Ki-Duk, Kitano e tanta attesa per il film in gara di Marco Bellocchio sul caso di Eluana Englaro.

Il nuovo foyer ospiterà una mostra in progress con le immagini in 3D degli attori e dei registi di tutto il mondo. Venezia è infatti il primo festival a produrre immagini ufficiali in 3D. Questi scatti verranno realizzati alla mattina dopo il photocall, verranno elaborati in 3D digitale, stampati ed esposti nel foyer del Palazzo del Cinema, in tempo utile per essere ammirati dalle celebrities dopo il loro red carpet serale. A sfilare in passerella per la serata inaugurale anche alcuni componenti delle giurie internazionali: il regista Michael Mann, presidente Giuria Venezia 69, l’artista Marina Abramovic, la top model e attrice Laetitia Casta, il produttore e regista Peter Ho-Sun Chan, il regista Ari Folman, il regista Matteo Garrone, la cineasta Ursula Meier, l’attrice Samantha Morton, il regista Pablo Trapero (Giuria Venezia 69), l’attore Pierfrancesco Favino (Presidente Giuria Orizzonti), la direttrice del Museo del Cinema di Amsterdam Sandra den Hamer, l’artista Runa Islam, il produttore Jason Kliot , la regista Nadine Labaki, il regista Milcho Manchevski, il regista Amir Naderi (Giuria Orizzonti), il cineasta Shekhar Kapur (Presidente Giuria Internazionale Premio De Laurentis), il critico Michel Demopoulos, l’attrice Isabella Ferrari, il regista Matt Reeves, il disc jockey Bob Sinclar.