La chiusura dell’Ilva “è un lusso che non possiamo permetterci. Se l’azienda dovesse chiudere gli impianti avremmo dei problemi drammatici per tutta l’economia del paese”. Così il ministro dell’interno Anna Maria Cancellieri è intervenuta a ‘Unomattina estate’ sulla vicenda dell’acciaieria di Taranto. “Ho fiducia nell’impegno dei ministri Passera e Clini, della magistratura, e di quanti hanno a cuore l’Ilva – ha aggiunto il ministro – affinché si possano garantire sicurezza e salute ai cittadini e il lavoro ai dipendenti”. Il ministro ha poi sottolineato che in questi giorni sulla vicenda di Taranto si sono sfiorati “momenti delicatissimi” ed ha concluso: “Non sappiamo come evolverà ma mi auguro che la situazione possa consentire l’attività dell’impresa”.

Incontrando i giornalisti al Viminale, Cancellieri ha ribadito di essere “molto preoccupata” per quanto sta accadendo a Taranto. “E’ fondamentale – ha sottolineato – che continui la produzione, non solo per i problemi che potrebbero venire per l’ordine pubblico ma per l’intera economia del paese”. Dunque è necessario “trovare un punto di equilibrio” che garantisca la sicurezza e la salute dei lavoratori da un lato e l’attività industriale dall’altro. “Sono sicura che il forte impegno di governo, società civile e magistratura consenta di arrivare ad una soluzione”. Anche perché, ha ribadito il titolare del Viminale, “il problema dell’Ilva va ben al di là dell’Ilva stessa e di Taranto. Riguarda l’intero paese”.