La squadra mobile di Milano ha individuato e arrestato il presunto aggressore dell’anziano 73enne massacrato di pugni e finito al Niguarda in fin di vita per difendere la propria bicicletta. A quanto si apprende, l’uomo gravemente indiziato per il reato di rapina aggravata è un cittadino romeno di 31 anni. 

I fatti risalgono al primo agosto, quando Giuseppe G. intorno alle 12 in via Farini del capoluogo lombardo è stato avvicinato da uno sconosciuto. Questi gli ha intimato di consegnargli la bici, l’anziano ha protestato e per tutta risposta è stato colpito da diversi pugni al volto. Il malvivente poi lo ha derubato anche di una catenina d’oro e di un borsello con 100 euro. Il ciclista sulle prime non è sembrato grave ed è stato ricoverato in codice giallo all’ospedale Fatebenefratelli. Poi però le sue condizioni sono peggiorate e l’uomo è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale milanese, per migliorare nei giorni successivi.