È l’estate del last minute. Di quello vero, dato che la crisi ha rallentato per mesi la domanda di viaggi organizzati. Negli ultimi giorni, di offerte se ne trovano tante, sia nei portali delle agenzie di viaggio on line (le cosiddette OLTA), sia nei siti web dei vari tour operator. Con partenze spesso nel giro di pochi giorni: occasioni da afferrare veramente al volo. Ma, per sfruttarli al meglio, sapendo cosa si compra, è meglio seguire qualche precauzione.

TUTTO COMPRESO? Per evitare che un pacchetto apparentemente low cost nasconda costi supplementari non previsti, la prima regola è controllare nel dettaglio che cos’è esattamente compreso nel prezzo; se ci sono spese accessorie, devono essere segnalate in modo trasparente, con i relativi importi. I conti in tasca, insomma, si fanno sul “prezzo finito”, non su quello “a partire da” segnalato spesso dagli operatori. La differenza non è poca, specie quando ci sono voli aerei inclusi, perché le tasse aeroportuali e il supplemento carburante possono fare lievitare il costo di qualche centinaio di euro.

LA VACANZA “ROULETTE”. Quest’estate, molti last minute propongono formule roulette: si sa quanto si paga, ma non dove si va, se non all’ultimo minuto. Questa formula esiste da anni ed è stata elaborata dai tour operator per riuscire a riempire in modo omogeneo le diverse strutture che commercializzano in una determinata località; il cliente, a fronte della sua flessibilità, guadagna lo sconto: il nome dell’albergo lo scoprirà poco prima di partire o addirittura una volta all’aeroporto di destinazione. Di norma, le offerte roulette garantiscono comunque che le strutture siano dello stesso livello, e talvolta hanno un costo differenziato a seconda della categoria (3, 4 o 5 stelle, ad esempio). Quest’estate, però, si trovano online anche offerte roulette ancora più “spericolate”: i pacchetti indicano solo il prezzo (molto scontato rispetto a quanto costerebbe da catalogo), la data e l’aeroporto di partenza, ma non la meta, se non per area (Italia, bacino del Mediterraneo) e per tipologia di vacanza (tipicamente, al mare). La meta della vacanza la si scopre a ridosso della partenza. Strano? Dipende da che cosa si cerca. Questo genere di last minute è pensato per persone che hanno un budget rigido, molto contenuto e vogliono fare una vacanza al mare, non importa dove. Per chi, insomma, ha deciso di concedersi una viaggetto a costo minimo, con precedenza del prezzo sulla meta. Tra i primi a lanciare queste formule ci sono il tour operator Welltour (che ha un catalogo di promozioni online) e il portale Last Minute Tour (con offerte scontate prenotabili dal venerdì al lunedì per partenze il fine settimana successivo).

LEGGERE IL CONTRATTO. Una volta prenotato il viaggio, poi, dovete ricevere il contratto dal tour operator, con conferma scritta della prenotazione: visto che si tratta di un viaggio dell’ultimo minuto, i tempi devono essere brevi. Un eccessivo ritardo potrebbe essere il segnale di una scarsa efficienza dell’operatore. Sempre in poco tempo, dovreste ricevere i titoli di viaggio, ovvero i biglietti aerei e gli eventuali voucher. Il contratto deve indicare chiaramente il prezzo del pacchetto, la denominazione e la sede del venditore, l’oggetto del contratto in generale (con durata del soggiorno), date di partenza e di arrivo, indicazione dei voli, denominazione dell’hotel, trattamento in albergo…; la presenza e l’ammontare delle penali in caso di recesso dell’acquirente. Per farsi aiutare in caso di dubbio, o di controversie, ci si può rivolgere alla associazione di consumatori SOS Turista di Telefono Blu.

a cura di Ink studio giornalistico

*ilfattoquotidiano.it non ha alcun rapporto commerciale né pubblicitario con i tour operator citati. I pacchetti sono scelti – con l’unico obiettivo di fornire un servizio ai lettori – in piena autonomia da giornalisti esperti di turismo in base alla qualità e alla convenienza, e soltanto tra le proposte di operatori considerati pienamente affidabili.