Nessun presidente, prima di Barack Obama, ha scatenato tanto interesse sulle sue origini. Dopo le accuse, infondate ma mai placate, di chi sostiene che Obama non sia nato alla Hawaii, ma in Kenya, ecco che il New York Times pubblica i risultati di una ricerca realizzata da Ancestry.com, secondo la quale il presidente Usa, discenderebbe da uno dei primi schiavi americani ma non, come si potrebbe pensare, da parte paterna, bensì da parte materna.

La mamma, Ann Dunham, infatti, sarebbe una discendente di un certo John Punch, considerato a tutti gli effetti uno schiavo, sebbene la sua condizione fu la conseguenza di una decisione presa da un tribunale nel 1640, prima ancora che in Virginia, stato dove viveva, fosse legalizzata la schiavitù. Punch, successivamente, mise al mondo dei figli con una donna bianca e da quel momento lì, la discendenza porta direttamente alla mamma di Obama. Il cognome dell’avo del presidente, cambiò poi in Bunches i quali, negli anni, furono protagonisti di molti matrimoni “misti”, fino a perdere, quasi totalmente, la parte afro americana e a essere generalmente identificati come “bianchi”.

Il Fatto Quotidiano, 2 Agosto 2012