E’ una lettera insolita quella che compare in testa alla rubrica della posta di Repubblica. Non solo per il fatto che a scriverla è Eugenio Scalfari che del quotidiano di largo Fochetti è già fondatore e direttore. Ma anche perché accusa un’altra testata del gruppo L’Espresso-Repubblica, la rivista MicroMega di Paolo Flores d’Arcais, di aver praticamente rubato un brano di un suo articolo e di averne fatto un uso improprio.

Scrive Scalfari: “Nell’ultimo fascicolo della rivista Micromega viene pubblicato un ampio dibattito sulla indagine della Procura di Palermo relativa alle eventuali trattative tra lo Stato e la mafia. Nell’ambito di questo dibattito la direzione di quella rivista ha anche pubblicato un breve brano tratto da un mio scritto, che non ha nulla a che vedere con quel dibattito e la cui pubblicazione non mi è stata né richiesta né tanto meno da me autorizzata. Diffido pertanto la direzione di Micromega di utilizzare miei scritti senza avermene preventivamente chiesto il permesso; permesso che – lo dico fin d’ora – non sarà mai comunque concesso”.

L’ultimo numero del bimestrale diretto da Flores d’Arcais non deve essere piaciuto molto al fondatore, da tempo collocato nella trincea scavata da Monti-Napolitano. Nel 2010 proprio MicroMega ospitò un confronto tra Scalfari e Flores sulla scomparsa del berlusconismo e sul concetto di “male minore” che ne sarebbe dovuto seguire: fu allora che si registrò una prima sensibile divergenza tra i due. L’ultimo MicroMega dal titolo “Un Presidente al di sopra di ogni sospetto”, tocca però un nervo ben più scoperto del dibattito politico: le conseguenze dell’inchiesta sulla trattativa tra Stato e mafia.

Parte infatti con un inciso di Loris D’Ambrosio, il consigliere giuridico del Colle recentemente scomparso, che al telefono con Nicola Mancino afferma: “Il presidente è orientato a fare qualcosa… ma per ora non le posso dire nulla… sto elaborando un pochino le cose… però la decisione l’abbiamo presa…”. Prosegue con un carteggio (di cui ha dato conto anche il Fatto Quotidiano) tra lo stesso Flores e Barbara Spinelli, altra firma di punta di Repubblica. E continua con un excursus che Marco Travaglio fa iniziare il 4 novembre 2011, giorno in cui il gip di Palermo Riccardo Ricciardi autorizza le intercettazioni dei telefoni degli ex ministri Nicola Mancino e Giovanni Conso.

Come intermezzo ecco il breve capitolo dal titolo “lesa maestà” che passa in rassegna le dichiarazioni a favore dell’intangibilità del Quirinale. E’ qui che compare, primo della fila in un balletto che conta tra gli altri Giuliano Ferrara, Renato Schifani, Walter Veltroni e Paolo Cirino Pomicino, il brano di Eugenio Scalfari. Tratto da RSera del 20 giugno, il fondatore non deflette dalla linea che tiene dall’inizio di questa vicenda. Il pensiero di Scalfari, ripreso da Micromega, è il seguente: il Colle ha fatto bene (“Napolitano ha fatto nient’altro che esercitare i suoi poteri e doveri”), chi lo critica è irresponsabile e lo fa “per creare una situazione di marasma al vertice delle istituzioni dalla quale deriverebbe inevitabilmente la caduta del governo Monti”. E’ la posizione di Scalfari, espressa del resto in più scritti. E non coincide con quella dei cronisti di Repubblica che da settimane stanno dando conto dei fatti che accadono sulla linea Palermo-Roma. Non solo loro. Giusto domenica Scalfati si diceva addolorato “che alcune persone alle quali sono legato da profonda amicizia e stima” non si siano schierati a difesa del Colle. Il riferimento è ad altri prestigiosi editorialisti di Repubblica come Barbara Spinelli, Stefano Rodotà e Franco Cordero rei di avere esposto giudizi critici sulla vicenda Mancino (trovando però ospitalità su Corriere, Fatto e MicroMega). La citazione di MicroMega deve aver colmato la misura. Invece di divenire un editoriale è però stata indirizzata nella posta dei lettori.

La replica del bimestrale che ha sede due piani più su di Repubblica nel palazzone del gruppo L’Espresso è lineare: “Non volendo imbarcarsi in fin troppo facili polemiche, MicroMega si limita a ricordare di aver utilizzato più volte citazioni, anche molto più lunghe, di numerosi autori, in conformità alle vigenti leggi sul diritto d’autore e alla convenzione di Berna, confortata infine anche da un parere legale dello studio Ripa di Meana e associati, chiesto nel 2008 dal Gruppo Espresso a nome di MicroMega, testata del Gruppo. Alle disposizioni vigenti MicroMega continuerà a conformarsi anche in futuro”. Ne hanno fatto anche una lettera da pubblicare nella rubrica delle lettere di Repubblica. Luogo di confronto effettivamente insolito tra condomini.

da Il Fatto Quotidiano dell’1 agosto 2012