Nel suo ultimo intervento pubblico, a Grignasco (Novara), Roberto Maroni ha sottolineato il ruolo della Lega Nord come unico possibile interprete della questione settentrionale, prendendosela con i giornali che si occupano di Lega “solo per scrivere delle stronzate”, senza parlare mai “di quello che la Lega dice, di quello che la Lega fa”. Parlando del futuro del partito ha nuovamente ribadito l’intenzione di non allearsi con nessuno in occasione delle prossime elezioni politiche, sottolineando come nessun partito si metterà seriamente a lavorare per la nuova legge elettorale, dicendosi convinto che si andrà al voto in primavera. E anche su questo punto ha ribadito la necessità di voler cercare una soluzione alternativa a Roma: “Non è detto che quella sia la strada migliore e più efficace, si fa tanta fatica e si ottengono risultati che vengono cancellati con in un lampo, come il federalismo fiscale”  di Alessandro Madron