Fonti del Governo smentiscono categoricamente che l’esecutivo abbia mai valutato l’ipotesi di bloccare le tredicesime dei dipendenti pubblici e dei pensionati. Chi diffonde queste notizie, continuano da Palazzo Chigi “alimenta l’allarmismo sociale rischia di causare un duplice danno”. All’associazione di categoria che ha diffuso tale notizia infondata, continua il monito delle fonti, si ricorda che i due danni ipotizzati sono “sia per l’organizzazione che ha diffuso questa ipotesi, in quanto si rischierebbe un possibile blocco dei consumi; sia per la tenuta dell’economia”.

Ieri infatti la Confesercenti ha diffuso un comunicato in cui ha ventilato l’ipotesi che venissero congelate le mensilità “extra” per i lavoratori del pubblico impiego e per i pensionati, aggiungendo che questa mossa avrebbe bloccato i consumi, sopratutto durante il periodo natalizio. 

Prima della smentita, per ora ancora ufficiosa, Raffaele Bonanni leader della Cisl si è detto “pronto alle barricate” nel caso in cui le voci sul blocco delle tredicesime fossero confermate. Comunque il sindacalista ha spiegato che fino a ora l’esecutivo non abbia accennato a un provvedimento del genere, “ma è chiaro che se lo facesse commetterebbe un errore da matita rossa”. Per Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, invece si tratta di sciocchezze di cui non ha mai sentito parlare.