Un patto politico elettorale mafioso avrebbe garantito l’ascesa di Saverio Romano, deputato del Pid ed ex ministro delle politiche agricole del premier Silvio Berlusconi. È quanto sostenuto nella lunga requisitoria del pm Nino Di Matteo, che ha chiesto la condanna dell’esponente del Pid a otto anni di carcere. Romano è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e ha scelto di essere processato con il rito abbreviato. Davanti al gup Ferdinando Sistito l’accusa – rappresentata in aula oltre che da Di Matteo anche dal procuratore aggiunto Ignazio De Francisci – ha passato in rassegna tutte gli elementi probatori che dimostrerebbero un patto politico elettorale siglato tra Romano e la  parte predominante di Cosa Nostra, quella che faceva capo al boss Bernardo Provenzano. Il pm Di Matteo ha paragonato a più riprese la condotta di Romano a quella di Salvatore Cuffaro, l’ex governatore della Sicilia attualmente detenuto nel carcere di Rebibbia, dove sta scontando sette anni di carcere per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra.

“Cuffaro e Romano – ha spiegato Di Matteo- hanno condiviso le stesse clientele mafiose. Esiste un patto tra politica e mafia, un patto già accertato dalle sentenze definitive che condannano Cuffaro; un patto a cui ha partecipato anche attivamente lo stesso Romano”. Quel patto politico mafioso avrebbe avuto la sua origine nel 1991 quando l’allora ventisettenne Saverio Romano si recò insieme a Cuffaro  a casa di Angelo Siino, pilota amatoriale di rally e “ministro dei lavori pubblici” di Cosa Nostra, fautore dell’infiltrazione mafiosa nel sistema degli appalti regionali. “Romano e Cuffaro – ha detto il pm – sapevano benissimo che peso avesse Siino dentro Cosa Nostra: in un primo momento Romano volle incontrarlo per chiedergli di tenere in considerazione nel sistema degli appalti anche gli imprenditori di Belmonte Mezzagno, suo paese d’origine. Poi all’incontro partecipò anche Cuffaro e l’oggetto del colloquio diventò quindi la richiesta di sostegno elettorale per le consultazioni regionali del 1991, in cui lo stesso Cuffaro era candidato”. A sostegno della sua tesi il pm ha citato più volte le dichiarazioni dello stesso Siino, che oggi è un collaboratore di giustizia.  

Il patto con Cosa Nostra, secondo la ricostruzione della procura, sarebbe poi continuato negli anni successivi raggiungendo il suo apice nel 2001, anno in cui Romano venne eletto per la prima volta alla Camera dei deputati e Cuffaro stravinse le consultazioni regionali diventando presidente della Sicilia. Un exploit che sarebbe dovuto soprattutto al sostegno massiccio offerto da Cosa Nostra ai due politici cresciuti alla corte di Calogero Mannino. E che sarebbe dimostrato dalla scelta di candidare a quelle elezioni regionali soggetti che facevano riferimento diretto a boss di Cosa Nostra: Domenico Miceli e Giuseppe Acanto. “La candidatura di Miceli e di Acanto – ha rivelato Di Matteo – è una delle rate che Romano e Cuffaro devono pagare per mantenere i patti con Cosa Nostra. Miceli infatti rappresenta gli interessi del boss di Brancaccio Giuseppe Guttadauro, uno che già all’epoca era stato condannato per mafia. La candidatura di Acanto viene invece chiesta dalla famiglia mafiosa di Villabate e dal boss Nino Mandalà: del resto sappiamo che quando Acanto arrivò all’Assemblea regionale una parte del suo stipendio da deputato regionale finiva a Mandalà, come riconoscimento per l’aiuto elettorale ricevuto”. Il medico Domenico Miceli, ex assessore alla sanità del comune di Palermo, era considerato il delfino di Cuffaro, prima che la sua voce finisse registrata dalle microspie nascoste a casa di Guttadauro. 

Una parte importante della requisitoria dell’accusa è stata dedicata alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia. Primo tra tutti Francesco Campanella, già presidente del consiglio comunale di Villabate poi condannato per mafia. Campanella, esponente dell’Udeur di Clemente Mastella, ha raccontato ai magistrati di un pranzo avvenuto a Roma a Campo de’ Fiori nel 2001, in compagnia di  Franco Bruno, allora capo di gabinetto del sottosegretario alla giustizia  Marianna Li Calzi, di Cuffaro e dello stesso Romano. “Franco Bruno – si legge nel verbale di Campanella –   conosceva perfettamente il mio cattivo rapporto con l’onorevole Romano, e scherzando a tavola disse: Saverio, tu sei candidato nel collegio di Bagheria dove c’è anche Villabate, ma lo sai che Francesco non ti vota, perché voterà per il centrosinistra? Stizzito  Romano si alzò e pronunciò una frase che mi resterà sempre impressa: No, Francesco mi vota, perché siamo della stessa famiglia. E poi girato verso di me aggiunse: scinni a Villabate e t’informi. Franco Bruno poi mi disse: è un pazzo che dice ‘ste cose con un magistrato in giro. Tornato poi a Villabate affrontai l’argomento, proprio come lui mi aveva chiesto in quella battuta, con Mandalà, il quale mi confermò che Saverio Romano era stato indicato dalla famiglia mafiosa di Belmonte Mezzagno”.

Per l’accusa le dichiarazioni di Campanella troverebbero pieno riscontro in quelle dell’altro pentito Stefano Lo Verso, per anni vivandiere di Provenzano. “Nicola Mandalà – ha raccontato ai magistrati Lo Verso – mi disse che per la politica non avevamo problemi: abbiamo l’amico e socio di mio padre, Renato Schifani, abbiamo nelle mani Dell’Utri e al centro abbiamo Cuffaro e il paesano di mio padrino Ciccio (il boss di Belmonte Mezzagno Pastoia nda), Saverio Romano”. E nei verbali del pentito Giacomo Greco, pure lui originario di Belmonte Mezzagno, si legge che lo stesso Provenzano “aveva interesse” nell’elezione di Romano. 

L’ex ministro ha ascoltato impassibile tutta la requisitoria dell’accusa e alla fine dell’udienza è andato via senza voler rilasciare alcuna dichiarazione. Adesso la palla passa ai suoi legali, gli avvocati Raffaele Bonsignore e Franco Inzerillo, che inizieranno l’arringa difensiva il 6 luglio. Per il 17 è invece attesa la sentenza del gup.