Skip to content


I blog de IlFattoQuotidiano.it
Maria Rosa Cutrufelli
Scrittrice

Un’estate in rosa-porno

La macchina editoriale è implacabile: dopo averci stordito con l’uscita a suon di fanfare di “50 sfumature di grigio, ecco che butta sul mercato il secondo volume della trilogia rosa-porno dell’estate (“50 sfumature di nero“). E a metà luglio, sotto l’ombrellone, spunterà “50 sfumature di rosso“. Fine della saga. Almeno per il momento.

Le fanfare, d’altronde, sono giustificate. Non certo per la qualità del testo: non stiamo parlando di letteratura. Stiamo parlando di un romanzone rosa-porno che, negli Stati Uniti, ha avuto un successo travolgente. Dieci milioni di lettrici (più una frangia minoritaria di lettori) non sono uno scherzo. E la filosofia degli editori è nota: purché si legga… Il loro punto di vista è chiaro.

Ma domanda e offerta, in questo caso, s’incontrano. E a me sembra chiaro anche il punto di vista delle lettrici (dieci milioni!). In fondo, è dagli anni ’70 che il femminismo s’interroga sull’immaginario sessuale delle donne… Michi Staderini, figura storica del femminismo romano, scrisse nel suo libro “Pornografie” (manifesto libri, 1998): “molte ricerche sono arrivate alla conclusione che il romanzo rosa è la ‘pornografia’ delle donne… pornografia nel senso più semplice di essere adatta a provocare eccitazione sessuale”. Una riflessione valida ancora oggi. E allora è chiaro che la carta vincente del romanzo in questione è proprio la sua ‘sfumatura’ rosa. Ammodernata, naturalmente. Insaporita da salsa piccante. E pazienza se il sado-maso non è un ‘ingrediente’ così nuovo… Come scriveva Michi Staderini, “sembra quasi un sacrilegio a dirsi, ma i libri pornografici resistono al tempo proprio come i grandi classici della letteratura: non si usurano, non si deteriorano”.

Nessuna meraviglia, dunque, che una storiaccia rosa-porno trovi un mercato femminile pronto ad accoglierla.

La domanda che mi pongo è un’altra. E anche questa, a essere obiettivi, è tutt’altro che nuova. Insomma mi chiedo: è proprio vero quello che si diceva un tempo, cioè che la lettura è di per sé un atto liberatorio? Una pratica che ci aiuta a decifrare il mondo e rende le donne e gli uomini più liberi e forti? Cosa aggiunge un libro come “50 sfumature” alla mia libertà? O cosa le toglie?

Una risposta possibile ce la offre Belinda Jack, docente a Oxford. Sì, dice. Leggiamo pure tutto quello che ci va. A patto di non dimenticare mai che la lettura (come la scrittura) “è solo una tecnologia, e come ogni tecnologia può essere usata bene o male”.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione